Equazioni di primo grado

La tecnica di risoluzione delle equazioni di primo grado è un prezioso lascito della matematica araba ed in particolare del suo massimo esponente: al-Khuwarizmi, di cui abbiamo parlato nel primo capitolo. Anche se utilizza più l'algebra a parole che quella simbolica, al-Khuwarizmi espone in modo molto chiaro tutti i passaggi necessari per determinare le soluzioni delle equazioni di primo e secondo grado.

Concentrarsi sulla risoluzione delle equazioni non ci deve far dimenticare che il vero obiettivo è la risoluzione di un problema, di cui l'equazione costituisce solo una traduzione simbolica che agevola la ricerca della soluzione.
Possiamo schematizzare il cammino che porta dal problema alla soluzione suddividendolo in passaggi:

  1. TESTO del PROBLEMA
  2. TRADUZIONE in EQUAZIONE
  3. RISOLUZIONE dell'EQUAZIONE
  4. VERIFICA della SOLUZIONE
  5. DISCUSSIONE

Il passaggio meno agevole è sicuramente il primo (dal TESTO all'EQUAZIONE): si tratta di passare dall'algebra "a parole" a quella "simbolica", l'unica con cui sia possibile eseguire effettivamente calcoli. E se l'umanità ha impiegato quasi tremila anni per imparare ad effettuare questo passaggio, vuol dire che questa difficoltà sussiste realmente!

Data la difficoltà di "tradurre" il problema dal linguaggio naturale a quello simbolico della matematica, proviamo a costruire un piccolo dizionario Italiano-Algebrese:

ItalianoAlgebrese
equivale a=
è pari a=
dà come risultato=
Supera di 2+2
un numerox
diminuito di 4-4
triplo di un numero3x
due terzi di un numero `2/3x`
  • HOME
  •    © Edizioni MANNA - Tramontano Francesco Paolo
    Send e-mail.